venerdì 5 aprile 2013

Spagna, costruzioni a picco: entro fine 2013 600mila lavoratori in meno

News
Spagna, costruzioni a picco: entro fine 2013 600mila lavoratori in meno

Spagna, costruzioni a picco: entro fine 2013 600mila lavoratori in meno  05/04/2013

Il settore delle costruzioni spagnolo potrebbe chiudere l'anno 2013 con 600.000 dipendenti in meno a causa della forte contrazione che sta registrando l'attività edilizia, facendo registrare un calo del 68% rispetto al picco di 1,9 milioni di lavoratori attivi prima della crisi, negli anni del boom.
 
E' quanto emerge dai dati diffusi dalla Federazione del legno da costruzione e affini (Fecoma).
 
Per contrastare questa tendenza, il sindacato ha chiesto investimenti in opere pubbliche e il favorimento del credito per la ristrutturazione di abitazioni attraverso le banche nazionalizzate.
 
"Un crollo del genere non si è verificato in nessun paese in Europa", ha detto Vicente Sanchez, segretario generale Fecoma, il quale ha ricordato che in Italia c'è un volume di 1,5 milioni di lavoratori in questo settore.
 
Lo stesso segretario generale ha spiegato che solo dall'inizio dell'anno si è perso il 5% dei lavoratori, mentre nel 2012 la riduzione è stata del 20%.
 
Nel settore del legno nel 2007 c'erano 350 mila posti di lavoro nel 2007, ora quasi dimezzati a 169 mila, mentre per gli altri materiali si è passati da 250.000 lavoratori a neanche 100.000.
 
 

Posted by Monitorimmobiliare