venerdì 18 ottobre 2013

Usa, il business immobiliare degli ospedali. A Miami Beach diventa un condominio di extra-lusso - ilghirlandaio.com


Usa, il business immobiliare degli ospedali. A Miami Beach diventa un condominio di extra-lusso
(Il Ghirlandaio) Miami, 17 ott. La società d’investimento immobiliare Lionheart Capital ha speso 200 milioni di dollari per trasformare l’ex Miami Heart Institute in un condominio composto da 126 unità immobiliari. Prezzi non esattamente modici, visto che la forbice oscilla tra i 2 e i 25 milioni di dollari per ciascun appartamento. Non è la prima volta che un ex polo ospedaliero viene trasformato in un progetto residenziale. Il punto è che nessuno, a parte Lionheart Capital, ha voluto investire una cifra così significativa per avviare un’attività che sarebbe stata redditizia solo nel medio-lungo periodo.
Le proprietà ospedaliere obsolete sono alcune delle mete preferite degli imprenditori immobiliari, a causa della loro struttura solida e della loro architettura. Negli ultimi anni, sotto la pressione dei costi crescenti in materia di sanità, gli Stati Uniti hanno dovuto portare avanti una difficile operazione di razionalizzazione sia delle strutture sia dei posti letto, passando da 5.815 ospedali con 951.000 posti letto a, rispettivamente, 5.724 e 924.000 nel 2011. Non sempre gli ospedali vengono impiegati per realizzare investimenti immobiliari: l’amministrazione di di New Orleans ha annunciato a luglio che avrebbe speso 270 milioni di dollari per spostare il suo municipio nell’ex Charity Hospital, un edificio Art Deco rimasto inutilizzato dopo l’uragano Katrina del 2005.
Ma a Miami l’intervento è sicuramente stato fatto in funzione di un mercato immobiliare in costante espansione. Il prezzo medio di vendita, infatti, nel secondo trimestre è salito a 399.365 dollari, in aumento dell’11,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Non sempre, però, i tentativi di questo tipo vanno in porto. A New York, nel Village, i residenti si sono opposti alla chiusura di un ospedale per farne un condominio e la loro battaglia, almeno per ora, sembra essere stata vinta.
(Fonte AFP)