venerdì 18 aprile 2014

Affitti commerciali: qui i più cari del mondo -news.immobiliare.it

Quando si è impegnati nell’avviamento di una nuova attività commerciale, una delle scelte più importanti è senza dubbio quella legata al luogo in cui ci si troverà ad operare; il discorso è ancora più importante se l’attività in questione è un negozio, i cui profitti possono essere notevolmente influenzati dal numero di persone che passeranno davanti alle vetrine e anche dalle altre vetrine presenti nella strada, soprattutto se stiamo parlando di brand legati al lusso. Tutto però ha un prezzo, e se ci si trova in una delle vie dello shopping mondiali il prezzo è alto, molto alto.
A quantificare i costi che si devono sostenere per affittare uno spazio commerciale nelle vie dello shopping più famose del pianeta è stata la società Colliers International che ha attribuito alla londinese Old Bond Street lo scettro di strada più costosa per chi vuole aprire un’attività commerciale. L’affitto mensile, secondo quanto scritto nel Report reso pubblico in questi giorni, è pari a 908 euro al metro quadro. Perché un prezzo così alto? Semplice, per la più basilare delle regole di mercato: molta richiesta e un’offerta che definire scarsa sarebbe riduttivo; tutti i grandi brand vogliono essere presenti in grande stile nella capitale britannica, ma non c’è posto per tutti e quindi chi può spendere di più riesce a farsi spazio (è il caso di dirlo) fra gli altri.
Alle spalle di Old Bond Street si piazza la Bahnhofstrasse di Zurigo, città sempre più interessante in ottica economica, soprattutto da quando molte multinazionali hanno centralizzato qui i loro uffici, e gli alti stipendi dei loro dipendenti. Imparagonabile rispetto a quello chiesto a Londra, però, il prezzo al metro quadro; in Bahnhofstrasse bastano 649 euro.
Due le vie italiane presenti nella top ten; la milanese via Montenapoleone (quotata con 580 euro al metro quadro) e la romana Via Condotti (sesta, 445 euro a metro quadro).

Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism