lunedì 14 aprile 2014

Invano segui quelle linee lungo i tragitti del tramonto - di Roberto di Costanzo per www.luxuryandtourism.com








Il sole girava attorno il suo avvenire con moto perpetuo. Ogni frase  gentile lo accarezzava prima nel volto poi sulla schiena. Come a concedergli speranza e conforto. Il viso si macchiava di segni  convulsi, gli occhi salpavano verso l' onice verde,fino ai tramonti di settembre. Le ombre si allungavano verso gli spigoli delle  architetture. Salivano e scendevano in cerca di un punto infinito dove attraccare la parola  fine. Invano segui quelle linee lungo i tragitti del tramonto. Scoprì presto di una fine oltre l' inenarrabile occhio umano. Scoprì presto che la fine era solo una linea a baciare l'orizzonte. Il corpo lungo il limite del terreno.