lunedì 9 dicembre 2013

Il prezzo delle nuove abitazioni in Bulgaria aumenterà notevolmente a causa di regole europee -bulgariaoggi.com

Il prezzo degli immobili situati in edifici, la cui costruzione verra' avviata l' anno prossimo, aumentera' notevolmente a causa dell' adozione di norme europee piu' restrittive relative alla solidita' della costruzione che dovrebbero entrare in vigore all' inizio del 2014.
Gli esperti hanno un parere unanime sul fatto che l' introduzione delle norme europee garantira' una stabilita' piu' elevata delle costruzioni, ma discordano sul fatto quando esse dovrebbero essere adottate. Secondo il docente Yonko Penev dell' Universita' di Architettura, Edilizia e Geodesia, le norme europee dovrebbero operare parallelamente a quelle bulgare per almeno altri 5-10 anni, in quanto con la loro introduzione il prezzo di un nuovo appartamento aumentera' del 30-50%. Tuttavia, secondo il prof. Svetoslav Simeonov, direttore dell' Istituto geofisico dell' Accademia bulgara delle Scienze (BAN) "il prezzo di una struttura portante in cemento armato in ossequio alle norme europee aumenterebbe al massimo fino al 30%, ma il prezzo dell' intero edificio aumenterebbe solo di circa il 5%". Riportiamo una terza opinione del prof. Yordan Milev della cattedra "Costruzioni massicce" dell' Universita' di Architettura, Edilizia e Geodesia, il quale ritiene che aumetera' di appena il 10% solamente il costo della struttura portante dell' edificio, che rincarera' il prezzo complessivo dell' immobile di una piccola percentuale. Egli ritiene che la Bulgaria dovrebbe seguire l' esempio dell' Italia, della Francia, della Germania e della Romania per armonizzare le proprie norme con glistandard europei, rispettando le particolarita' nazionali e al piu' presto possibile, in quanto nonostante lo sviluppo delle tecnologie, la normativa sulle strutture in cemento o cemento armato in Bulgaria non e' stata cambiata in modo significativo dal 1987.
I codici europei per l' edilizia vengono gia' insegnati nell' Universita' di Architettura, Edilizia e Geodesia e secondo il professore non e' serio parlare di un' ulteriore proroga.