lunedì 3 febbraio 2014

Gb: paura bolla immobiliare, 'fermare invasione stranieri' -a-realestate.it


Si fermi l''invasione' degli stranieri che fanno razzia di proprietà immobiliari nel Regno Unito e a Londra in particolare. E' la proposta fino ad ora più radicale che, proveniente dal think-tank britannico Civitas, si inserisce nel già acceso dibattito sui costi del mattone nel Paese, che fanno temere una bolla immobiliare. Secondo Civitas bisognerebbe porre maggiori restrizioni a coloro, numerosi e facoltosi, che da Paesi extra Ue discendono su Londra e sulla campagna inglese per acquistare abitazioni, soprattutto di lusso. E il riferimento implicito, ma chiarissimo, è ai tanti oligarchi russi come il patron del Chelsea, Roman Abramovich, che fanno di Londra il quartier generale dei loro investimenti. Ma anche ai paperoni, ormai nemmeno più nuovissimi, provenienti da Cina, Malaysia e Singapore. In sostanza Civitas propone l'obbligo a chi voglia investire nel mattone britannico di dimostrare che l'operazione porti alla costruzione di nuovi immobili, contribuendo così ad attivare un sistema che consenta la creazione di abitazioni più accessibili per i residenti, al momento stretti nella morsa dei prezzi alle stelle.

Scopri le nostre offerte immobiliari su LuxuryandTourism