giovedì 27 marzo 2014

Architetti-sindacati: riqualificare edifici per ripresa -a-realestate.it

Riaprire i cantieri della riqualificazione del patrimonio edilizio e delle città è la strada prioritaria per tornare a creare lavoro, agganciare la ripresa e dare risposta ai problemi delle famiglie, sfruttando le opportunità dalle risorse previste dalla programmazione europea 2014-2020 proprio per l'efficienza energetica e le aree urbane. La pensano così gli architetti italiani - con l'Ordine di Roma e il Consiglio Nazionale - e le organizzazioni sindacali Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil che hanno firmato oggi a Roma il Protocollo d'Intesa sulla promozione della cultura del progetto sostenibile e dell'efficienza energetica, per la valorizzazione delle professioni e dei lavori green. Il Protocollo prevede, inoltre, la realizzazione di progetti di formazione e di divulgazione dei criteri di efficienza e contenimento energetico per il patrimonio edilizio pubblico e privato e per la riqualificazione, la rigenerazione, la valorizzazione e l' efficientamento energetico delle trasformazioni urbane e la riqualificazione statica e strutturale del patrimonio edilizio esistente. 

Investire nella rigenerazione urbana sostenibile e nelle città - che da oltre venti anni sono state private di interventi di valorizzazione rappresenta per Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil "una opportunità di promozione e di rinnovamento delle modalità di produzione, di crescita di lavoro qualificato ed innovativo anche per contribuire al riposizionamento dei professionisti, dei lavoratori e delle imprese italiane nello scenario economico nazionale, europeo ed internazionale". Per gli architetti italiani "le politiche di rigenerazione urbana sostenibile sono un'irripetibile ed improrogabile occasione per stimolare concretamente la riqualificazione architettonica, ambientale, energetica e sociale delle città italiane che può essere realizzata attraverso la trasformazione delle città ed il risparmio energetico". Tra le finalità del Protocollo anche quelle di predisporre percorsi formativi e di alta specializzazione per i professionisti e i lavoratori del settore e di riconversione professionale e di promuovere presso le Amministrazioni comunali l'adozione di regolamenti edilizi sostenibili, nonché presso gli enti territoriali l'adozione di strumenti di programmazione territoriale e finanziaria e di pianificazione sostenibile. 

Nel Protocollo viene anche indicato l'obiettivo di promuovere la diffusione e l'utilizzo di materiali eco-compatibili coniugati all'innovazione tecnologica nella progettazione ed esecuzione degli edifici il tutto per migliorare la qualità ambientale dei contesti territoriali e urbani oltre che l'impiego efficace ed efficiente delle risorse e delle conoscenze per la promozione, la diffusione della cultura del progetto sostenibile. Viene anche richiamato l'impegno - nell'ambito dei rispettivi obiettivi istituzionali - verso il recupero, la riqualificazione statica e strutturale del patrimonio edilizio pubblico e privato esistente, la valorizzazione immobiliare attraverso il risparmio e l'efficienza energetica, massimizzando gli effetti positivi sull'ambiente. 

Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism