lunedì 24 marzo 2014

Confabitare: sempre più proprietari chiedono minor fitto -a-realestate.it


La crisi che divora il reddito delle famiglie, la perdita del lavoro o la cassa integrazione si ripercuotono pesantemente sul settore immobiliare e soprattutto sulle locazioni. Ne è prova un fenomeno che si sta sempre più affermando: la scelta del proprietario di ridurre il canone di affitto al conduttore tramite lo strumento del minor fitto, in quanto le famiglie fanno sempre più fatica a pagare gli affitti". Lo rileva un'indagine di Confabitare. "In questo modo - spiega il presidente dell'associazione proprietari immobiliari, Alberto Zanni - oltre ad evitare una possibile morosità dell'inquilino, il proprietario può sia mantenere in essere il rapporto con l'inquilino stesso, a volte un buon rapporto e anche di lunga data, e nel medesimo tempo aiutarlo a superare un momentaneo periodo di difficoltà". Nel corso del 2013 i dati confermano l'affermarsi del minor fitto in tutt'Italia, rispetto al 2012, con ampie percentuali, come emerge dall'indagine che ha messo a confronto i dati della propria analisi con quelli dell'Agenzia delle Entrate. In testa alla classifica c'è Bologna +42,5%, poi Padova +40,3%, Catania +35,8%, Palermo +33%, Bari +32,5%, Venezia +31,8%, Genova +30%, Cagliari +29,7%, Firenze +29%, Roma +28,6%, Milano +28%, Torino +27,5% e Napoli +22%. Secondo Confabitare, inoltre, mediamente il ribasso del canone percepito si attesta intorno a un 10-15%, "il che - spiega Zanni - significa che un proprietario che incassava un affitto mensile di 600 euro lo riduce dai 60 ai 90 euro circa e un affitto di 1.000 euro viene ridotto dai 100 ai 150 euro circa. "In questo momento di crisi - conclude il presidente di Confabitare - i proprietari si dimostrano particolarmente sensibili alle difficoltà dei loro inquilini, trovando tutte le soluzioni possibili anche per evitare la dolorosa conclusione dello sfratto per morosità".


Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism