martedì 13 agosto 2013

Come vendere casa nonostante la crisi immobiliare - lavikaweb.it

Alcuni consigli utili degli esperti nel settore, su come vendere il proprio immobile senza ribassi nonostante la crisi del settore

Vendere casa non è un’impresa impossibile se si procede con intelligenza, sfruttando al meglio le potenzialità dell’immobile da vendere e seguendo un buon piano mirato al conseguimento del proprio obiettivo, cioè vendere e vendere bene. Nonostante la forte crisi del settore è infatti possibile riuscire a concludere una vendita soddisfacente per entrambe le parti, a prescindere dall’oggettiva difficoltà di ottenere mutui, cosa che penalizza gravemente i possibili acquirenti. Le tempistiche di vendita, inoltre, potrebbero essere anche discretamente lunghe. Ecco quindi qualche piccola accortezza da mettere in pratica per poter vendere casa senza puntare al ribasso, ma semplicemente rendendo la casa appetibile agli interessati.
Per far conoscere il nostro intento di vendita ci vuole un annuncio ben strutturato nel quale si deve descrivere al meglio l’oggetto della vendita. Inutile dire che grammatica e ortografia devono essere in Italiano perfetto, scevro da errori o giri di parole che renderebbero poco chiaro il messaggio. La casa va descritta esaltandone le caratteristiche migliori e che magari possano anche suggerire emozioni al potenziale acquirente. Per intenderci, se questo mostra interesse per il giardino, prima della visita provvediamo a farlo ben potare e descriviamolo in maniera ampia e dettagliata. Le parole vanno accompagnate da un’immagine chiara e con colori vividi. Vendere in estate ha i suoi vantaggi, soprattutto se si tratta di un immobile sul mare o con un bel giardino fiorito. Bisogna avere cura di rimetterlo in ordine se è stato un po’ trascurato nell’ultimo periodo, così come vale sempre la pena fare qualche spesa di ristrutturazione. D’estate le luci sono più forti quindi attenzione al colore dei muri, devono essere impeccabili, no alle macchie, crepe e men che meno alle ragnatele. Pulizia e ordine minimale, meno cose ci sono in giro più sarà facile per l’acquirente che dovesse venire a visitare la casa immedesimarsi in un suo possibile spazio. Evitare assolutamente di accogliere l’acquirente nelle ore più calde a meno che non si possieda un buon impianto di aria condizionata e ugualmente vietati sono gli odori sgradevoli di animali domestici.
Per l’aspetto prettamente economico invece, bisogna pensare a una spesa che può arrivare anche a 500 euro per avere una valutazione autorevole della casa da vendere, curata da un bravo professionista, la qual cosa aiuterà notevolmente durante la vendita. Non valutare la propria abitazione con i sentimenti che ci legano ad essa, all’acquirente non suscita altro che l’idea di una nuova casa da acquistare spendendo il meno possibile. Infine va considerato il mercato immobiliare in una proiezione di circa sei mesi per poter stabilire un prezzo congruo e senza sembrare troppo frettolosi nel voler concludere la vendita, prepariamo tutta la documentazione inerente alla casa, stando attenti alle voci come le spese condominiali che possono spaventare l’acquirente se elevate. Per ricevere ulteriori consigli per vendere al meglio la vostra casa, si consiglia la lettura del seguente articolo. In ogni caso, sappiate che equilibrio e buon senso portano sempre al risultato sperato.