mercoledì 13 novembre 2013

Immobili: Bankitalia, incertezza norme fiscali potrebbe frenare ripresa -asca.it


Dopo un biennio in flessione per i prezzi degli immobili dovuto soprattutto alla caduta del reddito delle famiglie (-7% in termini reali dalla fine del 2010), l'Outlook per il settore resta incerto, spiega Bankitalia nel Rapporto sulla stabilita' finanziaria, anche se ''i rischi di ulteriori rapide correzioni dei prezzi, riconducibili alla sopravvalutazione delle case, appaiono ridotti''. Restano incerte le prospettive a breve termine, sebbene gli agenti immobiliari, pur prevedendo un ulteriore ribasso dei prezzi, nei loro giudizi di medio termine ''sono tornati lievemente positivi''. Per Bankitalia quest'anno i prezzi potrebbero diminuire mediamente del 5%, registrando una modesta crescita nel 2014, sulla quale, peraltro, restano rischi al ribasso. L'incertezza ''causata dalla revisione, tuttora in corso, delle normativa fiscale potrebbe frenare la ripresa dei prezzi e delle contrattazioni nei prossimi mesi''. A questo, spiega Palazzo Koch, si aggiungera' fino al dicembre 2016, l'arrivo a scadenza di 18 fondi immobiliari del comparto non residenziale.