giovedì 30 gennaio 2014

Per i grattacieli la crisi è finita, 73 nuovi nel 2013 -a-realestate.it


Per i grattacieli il 2013 è stato il secondo anno migliore di sempre con il completamento di 73 edifici più alti i 200 metri in tutto il mondo, dietro solo al record del 2011 quando ne erano stati completati 81. Sono i dati contenuti nel report annuale realizzato dal "Council on tall buildings and urban habitat", che ogni anno fa il punto sui trend altimetrici mondiali. "Forse la leggera caduta del 2012 nelle nuove costruzioni è stato l'ultimo effetto della crisi finanziaria del 2008 e il 2014 inizia con una piccola speranza di ripresa", si legge nel report. Le previsioni, che in questo campo sono abbastanza precise, parlano infatti per quest'anno di 90 nuovi edifici, che dovrebbero diventare 105 nel 2015. Ma anche il "negativo" 2012 aveva visto il completamento di 69 edifici, segno che la corsa verso il cielo è ormai inarrestabile: i dati parlano chiaro, dal cambio di millennio il numero dei giganti di vetro è passato da appena 261 a 830, con una crescita del 318%. Dei 73 costruiti nel 2013, 12 sono entrati nella classifica dei 100 più alti al mondo ma lo studio mostra anche come la geografia delle costruzioni stia cambiando: l'Asia è infatti il nuovo centro con tre quarti dei nuovi grattacieli. A spingere la crescita è la Cina che da sola ne ha costruiti 53 in 22 città differenti, ma il più alto dell'anno è la seconda torre dell'hotel Marriot Marquis a Dubai, con 355 metri. A sorpresa solo uno dei 73 è negli Stati Uniti, a New York, mentre la piccola Panama, con due nuove edifici, porta il totale a 19, tutti realizzati negli ultimi cinque anni. In Europa i grattacieli completati nel 2013 sono due: lo Shard di Londra ed il Mercury City di Londra; il primo progettato da Renzo Piano che con i suoi 306 metri è anche l'edificio più alto d'Europa.


Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism