mercoledì 19 febbraio 2014

La Germania galoppa, ma è a rischio bolla immobiliare -finanza.tiscali.it


Germania in crescita dell’1,8% nel 2014. Ma a rischio di bolla immobiliare, perché i prezzi delle case sono sovrastimati del 25%. Sul Paese più forte dell’eurozona, che fonda la propria economia sulle esportazioni, emerge un quadro in chiaro-scuro. Nella sua analisi mensile, la Bundesbank ha ricordato che la Germania ha registrato un miglioramento del quadro generale nei mesi scorsi e promette ulteriori passi avanti.

Il governo tedesco ha rivisto le stime per l’anno in corso una settimana fa passando da una previsione iniziale dell’1,7% all’attuale 1,8%. Alcuni analisti si sono spinti oltre, parlando di un balzo del 2% contro lo 0,5% registrato nel 2013 (fonte Destatis, agenzia tedesca di statistiche), valore calcolato in base ai giorni lavorativi. La banca centrale tedesca ha comunque sottolineato, nella sua analisi, che per crescere ulteriormente la Germania ha bisogno di una domanda estera in ulteriore miglioramento e di una crescita interna stabile.

Ma la Bundesbank ha messo le mani avanti lanciando un warning importante: i prezzi delle abitazioni sono sovrastimati in linea generale del 25%, spinti dai forti investimenti esteri e dalla politica monetaria sui bassi tassi di interesse operata dalla Banca centrale europea . E ora potrebbe prospettarsi una bolla immobiliare. Nelle 125 città tedesche i valori delle case sono cresciuti del 6,25% nel 2013, oltre quanto possono supportare i fondamentali economici e demografici, ha ricordato la Bundesbank nella sua analisi mensile.

I maggiori interessi degli investitori si concentrano nelle aree urbane e soprattutto nelle metropoli. Lì operano i fondi di investimento, sempre alla ricerca di importanti edifici da acquistare nel settore residenziale e uffici. Ad attirarli, l’idea che la Germania rappresenti un paradiso di investimento sicuro con rendimenti allettanti, attorno al 6% annuo. Una delle città più amate dagli italiani è Berlino, che, secondo un report di Engels e Volkers vedrà i prezzi salire anche nel 2014 perché, secondo gli investitori internazionali, presenta valori ancora appetibili rispetto ad altre importanti capitali.

La scorsa settimana è avvenuta una transazione molto importante in Germania. Patrizia Immobilien, investitore specializzato nel mattone, ha acquisito, attraverso uno dei suoi fondi un portafoglio di uffici dal braccio immobiliare di Commerzbank per un miliardo di euro. Lo yield atteso del fondo è del 6%

Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism