martedì 11 marzo 2014

Immobiliare: la Cina punta al mercato australiano, pronta a spendere 39 miliardi di dollari -ilghirlandaio.com

La Cina è pronta a versare 44 miliardi di dollari australiani (39 miliardi di dollari americani) nelle tasche del settore immobiliare australiano nei prossimi sette anni portando alle stelle già gli altissimi prezzi di uno dei mercati più costosi al mondo. A renderlo noto la banca di investimento Credit Suisse che ha utilizzato i dati del Foreign Investment Review Board e di altre agenzie governative.
I cinesi "hanno acquistato 24 miliardi di dollari in alloggi australiani nel corso degli ultimi sette anni, si prevede che acquisteranno altri 44 miliardi di dollari nei prossimi sette anni, ovvero fino al 2020", spiega lo studio. "Mentre l'Australia può 'vantarsi' di possedere alcune delle abitazioni più inaccessibili al mondo, l'incremento della domanda da parte cinese potrà spingere i prezzi degli immobili ancora più in alto", spiega la Credit Suisse sottolineando come "una generazione di australiani" viene letteralmente "estromessa dal mercato immobiliare" e si è arresa ad una vita "in affitto".
L'Australia ha uno dei mercati immobiliari più costosi al mondo. I prezzi medi delle case a Sydney e Melbourne sono aumentati di oltre il 30 per cento dall'inizio della crisi finanziaria globale. Gli investimenti cinesi sono stati accolti con favore dal governo australiano anche se questo tema è diventato un argomento critico dopo le polemiche politiche esplose a seguito della crescente vendita di lotti e terreni a stranieri.

Scopri le nostre offerte immobiliari su Luxury&Tourism