lunedì 22 luglio 2013

Com'e' cambiato i mercato immobiliare negli ultimi 5 anni - Antonio Pugliese Associato Retecasa Revolution di Vicenza








I cambiamenti intervenuti sui principali protagonisti-attori
del mercato, unitamente all’entrata in vigore di una serie di
normative a tutela dell’acquirente immobiliare ed alla
congiuntura economica generale, hanno determinato una
posizione eccezionale di vantaggio per chi compra un’immobile
oggi, rispetto al 2007. Volendo quantificare percentualmente la
maggior convenienza all’acquisto, non solo in termini
economici, possiamo prudenzialmente affermare che chi
compra casa oggi, ha almeno il 20% di buoni motivi in più per
farlo rispetto al 2007. Analizziamo nel dettaglio questi buoni
motivi. La Maggior Qualità Degli Immobili E La Sicurezza Gli
immobili in vendita nel 2007 erano “semplicemente” immobili,
nel 2013 gli immobili per essere pubblicizzati, venduti o locati
devono essere “immobili certificati”, ovvero corredati di
“Attestato di Prestazione Energetica”  (APE) attestante il grado di
efficienza energetica, il livello di consumi energetici dell’unità
immobiliare oggetto della transazione, ciò si traduce per
l’utente finale (acquirente o conduttore che sia) nella
consapevolezza di acquisire un bene con caratteristiche
costruttive di qualità più o meno elevata. Oggi nell’atto di
compravendita di un immobile dev ‘esserne dichiarata la
“conformità catastale” rispetto allo stato di fatto, non era così
nel 2007, più trasparenza e tranquillità per chi compra. Gli
immobili edificati negli ultimi 5-6 anni rientrano in normative
edificatorie stringenti che ne garantiscono maggior qualità in
termini antisismici, energetici, acustici,… questo significa, per
chi compra un immobile recente oggi, rispetto al 2007,
maggior qualità costruttiva, abitativa e valore intrinseco.
Chi compra da impresa o immobiliare oggi riceve una
fidejussione su ogni acconto versato, e al rogito una polizza
assicurativa decennale che lo tutela da grazi vizi costruttivi, 6
anni fa l’acquirente non aveva diritto a nessuna garanzia di
questo tipo, quindi comprare oggi è più sicuro e garantito. Le
agenzie immobiliari più organizzate forniscono polizze
assicurative anche sugli immobili usati, una sorta di “usato
sicuro”, un po’ come fanno le
concessionarie per le auto usate. Oltre Il 20% Di Immobili In
Piu’ Offerti Sul Mercato. Cercare casa oggi, significa poter
analizzare più proposte immobiliari, arrivare ad una scelta vera,
più consapevole, su misura per le proprie esigenze, una scelta
importante per tutta la vita. Il Prezzo Degli Immobili E’ Ridotto Di
Oltre Il 20% in molte zone del capoluogo vicentino e della
provincia, la minore domanda combinata con una maggior
offerta ha sensibilmente ridotto i prezzi di vendita degli
immobili. A titolo esemplificativo chi acquista un immobile di
150.000 oggi rispetto al 2007 risparmiano mediamente 30
mila euro! lo stesso risparmio ottiene chi sostituisce la propria
abitazione di valore attuale 150.000 con un’ abitazione di
valore attuale 300.000. Il Tasso Finito Del Mutuo E’ Piu’ Basso
Del 20% Rispetto Al 2007, oggi ottenere un mutuo è più
difficile a causa della stretta creditizia bancaria, ma con il
consulente giusto si può ancora trovare la banca giusta, e
quando si trova conviene. Il Tasso di un mutuo, ovvero il costo
del denaro, è composto da 2 elementi principali l’Euribor (Eurirs
per i tassi fissi) e lo Spread; nel 2007 l’Euribor medio era il 4%,
lo Spread l’ 1,5%, il Tasso finito era del 5,5% (e con questo
costo del denaro al gente faceva tanti mutui); nel 2013 l’Euribor
è lo 0,5% e lo spread medio è del 3.20% il Tasso finito medio
oggi è meno di un 4% (contro un 5,5% del ’07), oltre il 20% in
meno rispetto il 2007 (e con la “portabilità” dei mutui, quando
ci sarà una banca che offrirà spread migliori, il mutuo potrà
essere trasferito a quest’ultima, senza costi e penali per il
cliente). Considerando il minor costo del denaro ed il minor
costo dell’immobile e conseguentemente il minor importo
finanziato, la rata mensile di mutuo nel 2012 è più bassa di ben
oltre il 20% rispetto al 2007, avvicinandosi notevolmente alla
pigione di locazione (le locazioni sono calate pochissimo negli
ultimi 5 anni, perché chi non compra casa va in affitto) per un
immobile di simile caratteristiche. Concludendo e ricapitolando,
chi compra caso oggi, riceve più informazione e trasparenza
(certificazione energetica, dichiarazione di conformità catastale),
maggiore qualità costruttiva (su immobili recenti più isolamento
termico-acustico,
criteri costruttivi antisismici), più sicurezza
(garanzie sulle somme anticipate e sulle qualità statiche
dell’immobile), più scelta dell’immobile giusto (maggior parco
immobili a disposizione), più risparmio sul prezzo di acquisto,
più risparmio sul costo del denaro (rata mensile di mutuo ridotta
di oltre il 20%).

Antonio Pugliese
Associato Retecasa Revolution di Vicenza