domenica 8 settembre 2013

Buyers russi alla Spezia, questione di potenziali investimenti immobiliari - cittadellaspezia.com

La Spezia - Nonostante un calo delle compravendite in Liguria del 48% in 8 anni ed il mercato immobiliare che a stento riesce a tirare avanti, ecco un’iniziativa di I.R.A. – Italian Russian Association che va controcorrente. Sono 45 buyers russi che l’associazione guidata da Paolo Bellini, Presidente Nazionale ANAMA Confesercenti, porta alla Spezia per un incontro con gli operatori spezzini e liguri, al fine di far nascere degli affari. 
“Non vogliamo rassegnarci alla crisi”, afferma Bellini, “e, quindi, ci siamo impegnati a favorire l’incontro tra gli investitori russi e le agenzie immobiliari italiane”. “In particolare”, ribadisce il Presidente IRA, “abbiamo voluto toccare nel nostro tour la Liguria, con l’area di Levante, così vicina alla Toscana, ma comunque ricca di bellezze naturali, di storia, e di tradizioni che ne fanno una zona di forte attrattiva per l’investitore russo delle nuove generazioni”.
Dal 15 al 22 settembre l’IRA – Italian Russian Association guida la delegazione di operatori russi che incontreranno le realtà italiane di settore nel Nord Italia. I territori toccati sono: Pisa, il Lago di Garda, le colline veronesi, Venezia, l’isola di Albarella e La Spezia, appunto, considerata, con Porto Venere e le Cinque Terre, un gioiello territoriale da far conoscere ai russi.
L’incontro nella città spezzina avverrà, non nelle austere sale della politica o delle istituzioni, ma presso una struttura ricettiva che ha messo a disposizione i locali e l’accoglienza degli ospiti russi. Infatti il tour IRA di settembre (dal 15 al 22 settembre p.v.) è sostenuto esclusivamente dalle sponsorizzazioni e dai contributi dati dalle aziende e dai soci IRA. Gli Enti pubblici, seppur sollecitati, non hanno risposto concretamente all’appello, lasciando il peso organizzativo ed economico tutto in capo alle imprese. 
“Siamo convinti”, affermano in IRA, “che solo la volontà degli operatori potrà far uscire l’Italia, e quindi anche la Liguria, dal torpore economico in cui giace. Inutile attendere sostegni da chi non vive direttamente le problematiche che attanagliano il settore immobiliare. Ciò che conta è unirsi, favorendo iniziative come la nostra, che vanno nel concreto. L’obiettivo è investire in accoglienza, affinché gli acquirenti russi possano toccare con mano le realtà immobiliari italiane e vivere a contatto con un’Italia accogliente e desiderosa di fare affari con loro”. 
IRA nasce nel 2008 per volontà dell’ANAMA (www.anama.it) l’associazione delle agenzie immobiliari della Confesercenti, e rappresenta una delle realtà più autorevoli nel settore delle relazioni fra l’Italia e la Russia. Ha sede a Roma e a Mosca, con un Centro Servizi molto attivo e dinamico, che organizza e gestisce un numero considerevole di iniziative sia in Italia sia in Russia. I risultati parlano chiaro: sono centinaia gli operatori italiani coinvolti in questi sei anni di attività, e molti gli affari conclusi grazie alla volontà di IRA e dei suoi operatori.