martedì 2 luglio 2013

Immobiliare. Francia, crescono le transazioni di vecchie case: +6,6% da gennaio - ilghirlandaio.com

Immobiliare. Francia, crescono le transazioni di vecchie case: +6,6% da gennaio
(Il Ghirlandaio) Parigi, 1 lug. – Cresce il numero delle transazioni di vecchie abitazioni in Francia nel primo semestre dell’anno con un balzo del 6,6% dopo il crollo del 25% nel 2012. Il tutto grazie anche a un contesto caratterizzato da tassi di interesse storicamente bassi, e scesi ai minimi storici negli ultimi mesi (meno del 3% su 20 anni) e in un mercato che ha anche visto un leggero ribasso dei prezzi.
Secondo uno studio di Century21 riportato dall’Afp, la rete di 900 agenzie immobiliari, mostrano una ripresa a livello nazionale dal mese di gennaio.  Il prezzo medio al metro quadrate in Francia, in discesa del 1,9% nel 2012 e ancora ridotto del 2,6% nel primo semestre, sta intorno ai 2.555 euro. Le vendite di appartamenti - i cui i prezzi sono calati dell’1,9% - sono cresciute del 6,4%.
I tassi di interesse bassi hanno di fatto rivitalizzato il mercato immobiliare rendendolo piuttosto dinamico. Al punto che - secondo quanto racconta all’Afp Laurent Vimont, il presidente di Century 21 - “Il mercato tiene grazie ai tassi bassi: il mio pronostico per il 2013 è un calo dei prezzi che va dall’1% al 3% e volumi identici a quelli del 2011". Divers ele previsioni, invece, nel caso in cui i tassi d'interesse dovessero risalire. Allora, sostiene Vimont, "Avremo un blocco del volume delle vendite, seguito da una diminuzione dei prezzi”. Tra l’altro, ricorda, “questi tassi favoriscono le classi sociali più sfavorite” e sono proprio gli acquisti di questa fetta delle popolazione all’origine del 41,1% delle transazioni del primo semestre del 2013. Una cifra attualmente in crescita.
Stanno cambiando, sottolineano a Century 21, gli obiettivi di acquisto: il numero di quelli destinati a un investimonto èin calo (-6,1% su un anno) e si sta avvicinando ai valore di 2010. In particolare, oltre sette transazioni su 10 riguardano la casa d’abitazione principale, mentre le seconde case sono meno del 10% (6,9%) e quelle a fini di investimento si fermano al 16,7% del totale.
Come sempre per Parigi vale un discorso a parte. La Ville Lumière è stata al centro di un calo dei prezzi più pronunciato rispetto alla media nazioanle  (-3,2% in un anno). Le transazioni, inoltre, sono in calo del 5,2% nel primo semestre. A Parigi il prezzo medio a metro quadrato oggi è di 8.206 euro, un livello in linea con quello del 2011.