venerdì 5 luglio 2013

Leonardo o Montalbano: le scelte degli italiani di Giovanna Valsecchi - news.immobiliare.it

Il mercato immobiliare dei vip è sempre in continuo fermento: attori che comprano nuove ville, politici che mettono in vendita lussuose abitazioni sono avvenimenti che accadono tutti i giorni… ma se le persone comuni potessero essere parte in causa di queste compravendite come si comporterebbero?  Immobiliare.it ha provato a rispondere a questa domanda facendo un sondaggio tra quasi cinquemila utenti del proprio sito.
Da questo sondaggio si scopre innanzitutto che ben il cinquantadue per cento dei nostri connazionali conferma che sarebbe contento di abitare nella casa in cui ha abitato un personaggio famoso, anche se differenti sono le motivazioni che sono alla base di questa scelta: dal poter usufruire di lussi normalmente riservati a pochi all’orgoglio di abitare nella stessa casa di un vip.
Anche se non si tratta di un personaggio famoso recente quello che si aggiudica il primo posto in classifica ma di Leonardo da Vinci: la maggior parte di coloro che hanno risposto alle domande di Immobiliare.it vorrebbero poter vivere in questa abitazione ricca di storia e cultura; ben diverso è il secondo piazzamento dove troviamo un personaggio nato dalla fantasia di Andrea Camilleri e reso famoso con il volto di Luca Zingaretti: il commissario Salvo Montalbano. Non più personaggi storici o non esistiti al terzo posto della classifica ma troviamo la casa dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, anche se non è stato specificato quale sia la dimora prescelta, tra le tante da lui possedute.
Ovviamente c’è anche l’altro lato della medaglia: le case di personaggi famosi nelle quali gli italiani non vorrebbero mai andare a vivere, al primo posto di questa lista i nostri connazionali intervistati da Immobiliare.it hanno messo la dimora di Valeria Marini, per paura che un eccessivo stile da bambola pervada la casa, segue quella di Dario Argento dove si teme di stare come sul set di Profondo Rosso ed infine la residenza di Bruno Vespa per paura dei politici che potrebbero farsi trovare davanti alla porta.