giovedì 28 novembre 2013

Mercato immobiliare in ripresa a metà anno -casaemutui.it

Il Centro Studi di Casa.it ha pubblicato un rapporto sul mercato immobiliare. L’indagine ha riguardato buona parte del territorio nazionale da luglio a settembre (terzo trimestre). Le impressioni sono positive. Il mercato immobiliare si sta riprendendo. I segnali per ora sono molto timidi, ma il trend è crescente.
In particolare, gli analisti di Casa.it hanno rilevato un divario tra offerta e domanda in costante diminuzione. Il differenziale tra il prezzo richiesto dal venditore e il prezzo che il compratore è disposto a pagare è sceso un po’ dappertutto. E’ sceso soprattutto al centro-nord, dove si attesta 9,6%. Non a caso, da Roma in su, gli scambi sono aumentati del 2,1%. Discorso leggermente diverso per il Sud, dove il differenziale è dell’11,4%, quasi due punti percentuale in più che nel settentrione d’Italia. Anche i prezzi sono in aumento, segnale che il mercato immobiliare ha terminato la sua fase discendente. La città che registra il costo al metro quadro più alto è Venezia, con 4.800 euro. Seguono Roma, con 4.000 euro, Milano, con 4.100 euro, e Roma con 4.000 euro. Catanzaro è invece la meno costosa con 1.300 euro a metro quadro. La media italiana è di 2.700. Il prezzo chiesto da chi cerca una casa è invece 2.400.
Paradossalmente, è proprio il Veneto la regione in cui è più basso il differenziale tra domanda e offerta (4,6%). Il differenziale più alto invece si registra in Basilicata (15,4%).
Casa.it ha rilevato un Key Market Place, ossia il valore in cui, a queste condizioni, domanda e offerta convergono, a 2.480 euro a metro quadro.