giovedì 5 dicembre 2013

Spagna: governo privatizza gestione fari per uso alberghiero -a-realestate.it


Gita al faro, non come nel celebre romanzo di Virginia Wolf, bensì per una vacanza nelle torri a picco sul mare. Il ministro spagnolo delle infrastrutture, Ana Pastor, ha annunciato oggi l'avvio immediato di "un piano ambizioso" per cedere in gestione per uso alberghiero l'uso dei fanali marittimi, con concessioni di lungo periodo e sempre che sia rispettato il valore patrimoniale e ambientale dei fari. Lo ha annunciato oggi la Pastor in un incontro informativo a Madrid. Attualmente in Spagna ci sono circa 187 fanali marittimi, dei quali una cinquantina abitati. L'iniziativa di destinarli a sistemazioni alberghiere è coordinata dall'ente Porti dello Stato, cui spetta la gestione della rete. La destinazione a hotel è già in uso in vari paesi europei. In Spagna, alcuni sono già impiegati per scopi alternativi a quelli tecnici, come nel caso del faro di Formentor, alle Baleari, che ospita un ristorante, o di quelli di Finisterre, in Galizia, dove è alloggiata una sala di esposizioni. L'utilizzo dei fari, complementare a quello tecnico, secondo fonti ministeriali, potrà essere disposto con autorizzazione espressa del Consiglio dei ministri e del ministero delle infrastrutture.