sabato 8 marzo 2014

“So’ belli i trenini delle feste, so’ belli perchè non vanno da nessunaparte!” -La Grande bellezza - di Martina Carolo perwww.luxuryandtourism.com



“So’ belli i trenini delle feste, so’ belli perchè non vanno da nessuna parte!” -La Grande bellezza

Ci voleva un Oscar, un film per far riscoprire al mondo, con occhi diversi, la città eterna più amata ma anche più sconosciuta.
La grande bellezza, è stato un invito a scrivere il post di oggi. Certo, in questo caso non parlerò di moda, ma il film attualmente fa’ molta tendenza e tutti abbiamo potuto ammirare lo stile e l'eleganza dei protagonisti. Gli abiti dell’attore Toni Servillo, sono stati realizzati, da un’azienda emblema della tradizione sartoriale napoletana, Cesare Attolini.
Qualche dritta allora per farvi scoprire i palazzi e giardini quasi sempre chiusi al mondo, le osterie autentiche, i tesori sotterranei e i vicoli nascosti della Capitale.
I personaggi surreali del film si incrociano dietro l’allegro Campo de’ Fiori alla Galleria Spada, aperta solamente la prima domenica del mese per poter ammirare la Galleria Prospettica del Borromini. Appena usciti, suggerisco un’ottima colazione a base di un millefoglie espresso farcito al momento con varie creme, alla pasticceria De Bellis.
Riconoscibile nel film anche Palazzo Altemps, sede del Museo Nazionale Romano, dove tra le splendide logge e gallerie si può ammirare il bassorilievo delle Dodici Fatiche di Ercole o la statua del Galata Suicida. Dall’arte allo spuntino da veri romani, mangiando alla Trattoria kitch, Lo Zozzone, un nome un programma.
Obbligatorio nel pomeriggio sorseggiare un tè con gauffre fatti in casa al Vivi Bistrot Palazzo Braschi, affacciato su Piazza Navona. Attraversata Piazza Venezia, suggerisco di raggiungere Vicolo del Piombo, dove in un’ala del palazzo di famiglia, Lucia Odescalchi, disegna e vende gioielli eccentrici come le collane realizzate con il materiale dei catarifrangenti.
Per una cena verace tipica romana, nascosta dietro Piazza del Popolo, suggerisco l’Hostaria da Pietro. Poi per finire la perfetta giornata in stile Jep, obbligatorio finire in un club nel centro storico come Fidelio.
Tutto è possibile a Roma. Con 2000 Euro è possibile prenotare da 1 a 10 persone, una visita esclusiva dopo la chiusura, alla Cappella Sistina. Tranne i mercoledì e i festivi invece potete visitare tra statue, fontane e piante rare  i Giardini del Vaticano dove hanno passeggiato e pregato tutti i Papi. Se invece vi troverete vicino al Campidoglio, attraverso Via delle Tre Pile raggiungete la Terrazza Caffarelli dei Musei Capitolini per un caffè o aperitivo con una vista a dir poco straordinaria.
Altro sfizio, se vi presentate per tempo alla domenica mattina, potete visitare con 5 Euro il Quirinale, per godere degli arredi, architetture e concerto nella Cappella Paolina. Sulla collinetta Monte Giordano, dentro il Palazzo Taverna, dalle finestre avrete visioni inedite di Castel Sant’Angelo e del suo lunogotevere dove Jep passeggiava.
E ora direzione Fontanone, la Fontana dell’Acqua Paola, dove si apre La grande bellezza. Un bel gioco da fare nelle belle giornate è quello di riconoscere le cupole delle varie basiliche. Non vi basta tutto questo? Un’altra chicca per voi lettori…dietro Via Veneto cercate il Casino Boncompagni Ludovisi e ammirate l’unico Caravaggio su muro.
Alla fine sapete cosa sarebbe una Grande Bellezza? Avere una casa lussuosa www.Luxury&Tourism.com in questa città e rimanere sconosciuti a tutti.